La grammatica del cibo

Bellagioia Bistrot

Mangiare è sempre un atto culturale.

Tempi, luoghi, riti del mangiare sono oggi stravolti.

Un menu non può essere un elenco di prodotti e di cibi assemblati più o meno casualmente,

ma dovrebbe essere un discorso con un significato.

Non si segue più la stagionalità, le materie prime arrivano da luoghi lontanissimi, il momento del pasto è sempre meno convivio.

Il lessico è dato dalle materie prime che si utilizzano.

Il BellaGioia Bistrot ha scelto le farine, le uova, le carni biologiche.

La morfologia è data dalle tecniche con cui vengono preparati i cibi in menu.

Preparare il pane in proprio è dare forma alla materia. Il pane non come semplice complemento, bensì alimento.

Pane, vino, olio sono alimenti che non esistono allo stato naturale ma sono frutto della fermentazione, della manipolazione delle qualità naturali e per ciò stesso sono un atto culturale:
la volontà di ritagliarsi un ambito civile in mezzo alla natura selvaggia per celebrare il rito del convivio, “cum-panis”, ovvero in compagnia.
Bellagioia Bistrot
Bellagioia Bistrot
La grammatica del cibo ultima modifica: 2018-10-11T18:07:45+01:00 da BellaGioia Bistrot